Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/wp-db.php on line 52

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/cache.php on line 36

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/cache.php on line 389

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 556

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 678

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/query.php on line 21

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/theme.php on line 507
Elio de Angelis 11 » “La Repubblica” 15-16-17 Maggio 1986
Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Elio de Angelis 11

30 October 2009

“La Repubblica” 15-16-17 Maggio 1986

Filed under: La Stampa ed Elio, Approfondimento Paul Ricard — admin @ 2:26 pm

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/formatting.php on line 74

 Quattro articoli del quotidiano nazionale “La Repubblica” sulla vicenda del Paul Ricard.  Si ringrazia l’archivio storico del sito “repubblica.it”

______________________________

DE ANGELIS GRAVISSIMO

MARSIGLIA - Un volo improvviso a 270 all’ ora, una serie di giravolte nell’ aria e il tonfo finale tra le fiamme. Questo l’ impressionante incidente di cui è rimasto vittima ieri mattina nel circuito del Paul Ricard il pilota italiano della Brabham Elio De Angelis di 28 anni ricoverato in condizioni gravissime all’ ospedale di Marsiglia. De Angelis, sceso in pista alle 11, aveva compiuto alcuni giri senza segnalare difficoltà ai tecnici della scuderia. Un quarto d’ ora dopo, alla curva della “Vetreria”, una S subito dopo il traguardo, il tragico volo che così è stato ricostruito dall’ unico testimone presente, il giornalista canadese Christian Tortora. “All’ improvviso ho visto la macchina decollare e dopo un volo di circa 200 metri andare a picchiare sul guard rail, rimbalzare di nuovo in aria per finire sull’ asfalto rovesciata una cinquantina di metri più in là”. “I primi a fermarsi subito - continua Tortora - sono stati Prost, Laffite, Jones e Rosberg che scesi dalle loro vetture con gli estintori in mano li hanno scaricati sulla macchina di Elio in fiamme. De Angelis era intrappolato sotto la carcassa. Prost non ha esitato a tuffarsi tra le fiamme per cercare di tirare fuori Elio, ma non c’ era niente da fare. Mentre i piloti andavano in cerca di altri estintori per domare il rogo, il serbatoio di carburante della Brabham è esploso appiccando il fuoco perfino ad un pino che costeggia il circuito in quel punto. Quando sono arrivati i soccorsi e finalmente l’ incendio è stato spento, tutti hanno cercato di tirare fuori il pilota, dopo aver raddrizzato la vettura ma c’ è voluto molto tempo”. “Il medico ha subito sentito il polso di Elio - continua Tortora - e ha detto “è finita” aggiungendo poi “tentiamo il tutto per tutto”. Per un quarto d’ ora gli è stato praticato un massaggio cardiaco e la respirazione artificiale finchè il cuore ha ripreso a battere. Poi è arrivato l’ elicottero e lo hanno portato a Marsiglia”. La prima diagnosi del medico di guardia sul circuito dove da ieri molte scuderie stanno effettuando prove di messa a punto, parla di danni gravi alla testa e distacco della colonna vertebrale, ma non di bruciature o fratture. Il direttore del circuito francese, Francois Chavalier, ha dichiarato subito dopo l’ incidente che “le vetture oggi andavano talmente forte che basta una minima differenza di regolazioni aerodinamiche per farle decollare”. Perchè Elio De Angelis abbia perso il controllo della vettura non è tuttavia chiaro. Sull’ asfalto sono state riscontrate tracce di un testa-coda che avrebbe innescato il successivo volo. Ma sul tratto seguente della pista, per almeno 250 metri non ci sono altri segni al di fuori dei mille pezzi in cui si è disintegrata la vettura. “Quando l’ abbiamo raddrizzata - ha raccontato Christian Tortora - il rollbar non esisteva più”. Tra le prime ipotesi avanzate c’ è anche quello di un improvviso distacco dell’ alettone posteriore. Ieri sera i medici dell’ ospedale “La Timone” di Marsiglia hanno definito “preoccupanti” le condizioni del pilota precisando però che “nessun intervento chirurgico è per ora previsto. De Angelis soffre di grave trauma cranicocervicale e toracico. Le sue condizioni rendono necessario il suo mantenimento nel reparto di rianimazione di emergenza diretto dal professor Francois”. Un altro bollettino sarà emesso stamattina. Tutti gli altri piloti di F.1 presenti al “Paul Ricard” sono rimasti sconvolti e hanno minacciato di disertare il Gp del Belgio del 25 maggio se la federazione non presterà ascolto alle loro richieste in materia di sicurezza dei circuiti. Dopo sette anni alla Lotus, quest’anno era passato alla Brabham. Fu Chapman il suo padrino ed  al Paul Ricard era cominciata per Elio De Angelis una carriera piena di speranze. Sul circuito francese, infatti, nell’ autunno del ‘ 79 lo aveva convocato per un “provino” il genio della Formula Uno, Colin Chapman costruttore delle Lotus. Elio fu assunto subito ma Chapman gli disse: “Bada che per un anno non ti do una lira”. De Angelis accettò ugualmente pur essendo reduce da una stagione di F1 disastrosa dal punto di vista finanziario. Per tutto il ‘ 79 aveva corso con la Shadow ed era lui a pagare. Per mettere insieme i 25 mila dollari a gran premio che i titolari di quella scuderia volevano fece un bel collage di sponsor ma commise l’ errore, comune a molti giovani piloti desiderosi di correre nella massima formula automobilistica, di accettare un contratto per tre anni. Così quando approdò alla Lotus fu Chapman a dover sbrogliare la matassa delle penali che il pilota doveva pagare per rompere un contratto. Tutti pensarono allora che a pagare ad Elio il lusso della F1 fosse il padre Giulio, noto costruttore romano ed ex campione mondiale di motonautica. Invece era Elio che se la sbrigava sempre da solo. Quando festeggiò i diciotto anni il padre gli regalò una Chevron di Formula tre con due motori di ricambio e gli disse: “Ora arrangiati”. I motori erano una passione di famiglia. Elio ancora bambino e già andava sabato e domenica sui circuiti acquatici frequentati dal padre. All’ età di 14 anni invece di andare a giocare con gli altri ragazzi, usciva da scuola e andava sulla Tiburtina, dove c’ era la Pista d’ oro, saliva sul kart, girava come un pazzo e poi il cameriere-meccanico-autista lo riaccompagnava a casa. Nei kart, insostituibile palestra di pilotaggio, raggiunse il titolo di vicecampione del mondo. A diciotto anni, ci fu un consiglio di famiglia. Tutti decisero che a continuare con le corse sarebbe stato solo Elio e non anche suo fratello Roberto che se la cavava niente male. Elio si iscrisse al liceo scientifico, poi ad Architettura, poi ancora ad Economia e Commercio. Ma con gli studi non andò avanti, impossibile conciliarli con la vita da giramondo di un pilota. Sulla Chevron regalatagli dal padre diventò campione italiano. Poi, un giorno, dopo una gara di F2 a Misano, arrivò la telefonata dell’ ingegner Ferrari che lo invitava a colazione per il giorno dopo. A 19 anni credeva di aver toccato il cielo con un dito, ma Ferrari non lo prese, a quell’ epoca di piloti italiani non voleva sentirne neppure parlare. Però la visita gli fruttò un posto sulla Minardi-Ferrari di F2 sulla quale non combinò granchè. Lo chiamò invece Ecclestone impressionato dalla grinta di Elio a Montecarlo. Ma dal provino uscì il nome di Piquet che rimase alla Brabham lunghi anni. Si fece avanti Ken Tyrrell e mise Elio sotto contratto. Ma al momento di iniziare le prove, il vecchio Ken gli telefonò e gli disse che non se ne faceva più niente. De Angelis si arrabbiò sul serio e fece causa a Tyrrell. “Legalmente vinsi, ma praticamente persi perchè i soldi non bastarono neppure per pagare gli avvocati”. Rapido passaggio alla Shadow ed esordio con la Lotus, la magica Lotus di quegli anni. Alla seconda prova del mondiale riuscì a battere, nell’ 80, perfino il suo compagno Andretti. Chapman morì nell’ 82 e per Elio, che dal grande costruttore era considerato un figlioccio, fu l’ inizio della fine. Col nuovo manager della scuderia sopportò anni di angherie finchè l’ anno scorso si staccò dalla Lotus per passare alla Brabham. Su una macchina completamente sbagliata e in continuo rifacimento. Su 108 gp disputati gli restano due sole vittorie: in Austria nell’ agosto ‘ 82 e l’ anno scorso a Imola.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/05/15/de-angelis-gravissimo.html

QUANDO LA VITA DIPENDE DA UNA VITE

UN RAGAZZO buono e generoso Elio De Angelis, corretto in pista e fuori pista, apprezzato da tutti i suoi colleghi oltre che dal grande pubblico della formula uno. Ma negli ultimi tempi era sempre più triste: perchè la “grande” Brabham che aveva sognato si era rivelata un fiasco, perchè a Montecarlo era partito ultimo sulla griglia, perchè “a guidare quella macchina ci vuole coraggio” come disse pochi giorni fa ad alcuni amici. E ora proprio quella macchina gli ha tolto la vita. Perchè il distacco dell’ alettone alla fine di un rettilineo dove si marcia a 300 all’ ora può produrre solo e unicamente un terribile volo come quello compiuto dal povero Elio. Mentre un aereo senza ala precipita, una formula uno decolla. E’ ineluttabile. Era avvitato bene quell’ alettone? Era fragile il materiale? Non lo sapremo probabilmente mai. Così come non sapremo mai se la presenza dell’ elicottero ai bordi della pista, ed un più rapido soccorso, avrebbero potuto salvare la vita di Elio. Le scuderie che affittano i circuiti per le prove pagano un tanto al giorno, al Paul Ricard c’ è affisso al muro il “listino prezzi” che prevede perfino degli sconti se negli stessi giorni più scuderie provano contemporaneamente. Ma gli “optionals” si pagano a parte e tra questi c’ era proprio l’ elicottero, che nessuno aveva chiesto. Come di tutti i precedenti incidenti non sapremo mai di chi è la colpa. E forse non serve neppure perchè se è vero che basta una vite lenta a uccidere un ragazzo di 28 anni, è anche innegabilmente vero che queste macchine sono più sicure di cinque anni fa. Si può fare di più? Certo che si può fare di più ma quando, nonostante l’ alta e sofisticata tecnologia della F.I., la vita dipende da una vite, ogni discussione è superflua. Preferiamo lasciar perdere e ricordare il volto buono e gentile di un pilota più bravo di quello che le statistiche mostrano.

di CARLO MARINCOVICH

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/05/16/quando-la-vita-dipende-da-una-vite.html

‘LE ULTIME ORE DEL MIO POVERO ELIO’

MARSIGLIA - Elio De Angelis è morto ieri pomeriggio nell’ ospedale La Timone di Marsiglia dove era stato ricoverato nella tarda mattinata di mercoledì in seguito al tremendo incidente di cui era stato vittima sul circuito Paul Ricard. L’ annuncio è stato dato ai familiari e ai numerosi giornalisti presenti dal direttore dell’ ospedale Christian Renè Rossi: “Il signor Elio De Angelis ricoverato presso il servizio rianimazione è deceduto alle ore 17″. Ma già dalla mattinata di ieri nessuno si faceva più illusioni. Il bollettino medico emesso a mezzogiorno diceva: “Lo stato clinico e in particolare lo stato cerebrale si sono ancora degradati nel corso delle ultime ore. La prognosi si è ulteriormente aggravata”. Giulio De Angelis, padre di Elio, si era subito dopo intrattenuto con i giornalisti senza fare mistero delle scarse possibilità di sopravvivenza di suo figlio: “Siamo all’ ultimo atto, qualcuno spera ancora, io non mi faccio illusioni”. Si cerca intanto di ricostruire l’ incidente, apparso inspiegabile dopo le prime notizie giunte dal circuito, e di scovare eventuali responsabilità. Come prima cosa sembra accertato senza ombra di dubbio che a determinare il pauroso volo della Brabham sia stato il distacco dell’ alettone posteriore prima che la vettura affrontasse la curva ad S detta della Vetreria. La prima traccia, che soccorritori, piloti e giornalisti hanno trovato sull’ asfalto è costituita proprio dai tre pezzi principali dell’ alettone: il flap e i due timoni laterali. Cinquanta metri più avanti ci sono ancora i segni del primo urto sul guard rail seguito da un altro sul lato di fronte, quindi il tragitto sullo sterrato fuori pista. In totale da dove sono stati trovati i pezzi dell’ alettone al punto in cui i resti della Brabham si sono fermati, sono stati misurati oltre 250 metri. Alcuni giornali francesi accusano esplicitamente la gestione dell’ autodromo, considerato peraltro tra i più sicuri, di aver sbagliato le modifiche apportate alla curva ad S dove è accaduto l’ incidente di De Angelis. Questa variante era considerata troppo veloce e così furono effettuati dei lavori per rallentare la velocità delle macchine alla fine del rettilineo. Ma anzichè stringere la S, venne in realtà allargata la seconda curva, rendendo tutto il tracciato ancora più rapido e pericoloso. Queste critiche furono fatte a suo tempo da autorevoli giornali che ora le hanno riprese. Sullo stesso autodromo erano in programma per il prossimo anno lavori più importanti per accorciare il percorso dagli attuali 5080 metri a poco più di quattromila raccordando la curva dove è uscito De Angelis con il rettilineo opposto. La morte del pilota ripropone in maniera drammatica l’ urgenza di una sistemazione di questa pista dove il 6 luglio prossimo si correrà il Gp di Francia. Resterà tutto come adesso. Venerdì 23 maggio tutti i piloti si riuniranno a Spa in Belgio per discutere con la federazione nuove misure di sicurezza e se non saranno ascoltati minacciano di scioperare. Se i piloti si rifutassero di correre al Paul Ricard il Gp di Francia dovrebbe essere spostato a Digione dove era previsto che dovesse corrersi ma poi una dispozione federale attribuì per cinque anni tale corsa al circuito Paul Ricard. Il presidente della Fisa, Jean Marie Balestre, nel commentare l’ incidente ha detto: “La federazione in questi ultimi anni ha adottato molte e severe misure per aumentare la sicurezza, ma in un caso come questo, quando si stacca l’ alettone che cosa possiamo fare? La formula uno sarà sempre pericolosa anche riducendo la velocità. C’ è un pericolo che fa parte dell’ automobilismo e che non potrà mai essere eliminato”. Balestre ha anche annunciato che il progetto di ridurre a 180 litri la capienza dei serbatoi a partire dal prossimo anno è stata abbandonato anche se non tutte le scuderie saranno d’ accordo. “Adotteremo invece - ha detto Balestre - altri sistemi per limitare la potenza”.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/05/16/le-ultime-ore-del-mio-povero-elio.html

OGGI L’ ULTIMO SALUTO DI ROMA A DE ANGELIS

ROMA - I funerali di Elio De Angelis si svolgeranno oggi alle 12 nella chiesa di piazza dell’ Esedra a Roma. Tra le tante manifestazioni di cordoglio giunte alla famiglia del giovane pilota deceduto l’ altro ieri a Marsiglia, anche un telegramma inviato dal Presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Il feretro partito ieri pomeriggio dalla cappella dell’ ospedale della città francese dopo le ultime pratiche burocratiche, dovrebbe giungere a Roma nelle prime ore di oggi. La morte di Elio De Angelis non sarà dimenticata tanto presto e provocherà sicuramente un ampio dibattito e forse anche un ripensamento sulle corse. La Fisa a Parigi ha già annunciato importanti innovazioni regolamentari. “In cinque anni - ha detto ieri Renè Arnoux uno dei primi a soccorrere Elio - siamo passati da 500 a 1200 cavalli; la curva dell’ incidente la affrontavamo quattro anni fa a 230, adesso a quasi 300 km l’ ora. E’ una follia continuare così, qualcosa bisogna fare. Peccato che si debba sempre attendere la morte di un pilota per cambiare”.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1986/05/17/oggi-ultimo-saluto-di-roma-de.html

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Powered by WordPress