Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/wp-db.php on line 52

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/cache.php on line 36

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/cache.php on line 389

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 556

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/classes.php on line 678

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/query.php on line 21

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/theme.php on line 507
Elio de Angelis 11 » La vicenda “Giulio de Angelis”
Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 446

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 510

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/kses.php on line 511

Elio de Angelis 11

30 October 2009

La vicenda “Giulio de Angelis”

Filed under: Contenuti Extra — admin @ 3:34 pm

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/eliodeangelis11/wp-includes/formatting.php on line 74

Una ricostruzione, quanto più fedele a livello cronologico, della vicenda extra-sportiva che ha coinvolto il padre di Elio de Angelis dal mese di Giugno al quello di Novembre dell’anno 1988. Per ora sono stati utilizzati gli articoli dell’archivio storico online del quotidiano “La Repubblica”, fonte altamente valida in quanto contenente materiale recante data sin dall’ anno”1984″. E’ stato inserito anche un documento finale tratto dal “Corriere della Sera” datato ‘2000′.

____________

IN ATTESA DEL PRIMO CONTATTO

OLBIA - Era un commando di professionisti, ma ha commesso qualche errore. Nelle mani degli inquirenti che dalle prime ore del mattino di domenica seguono gli sviluppi del sequestro De Angelis è rimasto un indizio di estremo rilievo. Nel giardino di Villa Lee, poche ore dopo il rapimento del costruttore romano, è stato trovato un guanto da chirurgo. Gli anfratti inaccessibili Polizia e carabinieri sono convinti che sia stato usato da uno dei banditi: oltre che mascherati e armati di tutto punto, i fuorilegge avevano infatti adottato la precauzione di munirsi di guanti per evitare di lasciare impronte compromettenti. Ma proprio quest’ espediente potrebbe ritorcersi come un boomerang contro di loro. Il guanto, adesso, si trova a Roma, al centro nazionale della polizia scientifica. Individuando almeno uno dei componenti della banda, avremo senz’ altro le idee chiare sui prossimi passi da compiere, spiegava ieri mattina un ufficiale dei carabinieri impegnato nelle difficili indagini. Tra gli inquirenti c’ è un’ unica certezza, confortata anche dalle precedenti esperienze: i rapitori si sono sicuramente rifugiati in qualche inaccessibile anfratto del Supramonte. E’ qui che, da decenni, gli uomini dell’ anonima sarda ricavano i loro nascondigli naturali a prova di blitz. Come sempre accade nell’ isola, la prassi del sequestro di persona prevede che passino alcuni giorni prima che venga stabilito il primo contatto con i familiari dell’ ostaggio. Una procedura che, in questa circostanza, appare ancora più scontata se si considera il tempo passato dai banditi nella villa dell’ imprenditore prima della fuga verso i monti del Nuorese. Durante quelle ore i fuorilegge, con ogni probabilità, hanno posto le basi per l’ inizio delle trattative. Il clima di attesa ha contagiato anche l’ ambiente esclusivo della Costa Smeralda. Passato il momento di risentita sorpresa provocato dal raid organizzato nell’ impero di Karim, il primo riuscito fino ad oggi, si continua a seguire con attenzione l’ evolversi della vicenda. Ma la questione, almeno finora, pare interessare più gli uomini dell’ entourage del principe ismailita che i personaggi del jet set. Fra l’ altro la stagione vera e propria non è ancora cominciata. Sul litorale sono arrivati pochissimi vip. Già da oggi, però, sarà possibile afferrare meglio le reazioni degli esponenti del mondo dorato che ruota attorno ai possedimenti dell’ Aga Khan. Sino a sabato si svolgeranno infatti di fronte alle incantevoli baie di Porto Cervo, di Liscia di Vacca e di Romazzino le gare valevoli per il campionato mondiale di off-shore. In quell’ occasione, come vogliono le tradizioni, si daranno appuntamento a bordo degli yacht e sulle esclusive spiaggette gli abituali frequentatori della costa. Proprio quelli, per una singolare coincidenza, con cui Giulio De Angelis, in gioventù campione di motonautica, aveva maggiore familiarità. Ma sino a ieri a preoccuparsi dell’ accaduto erano certamente di più i responsabili della catena di iniziative che fa capo al regno di Karim. Lo stesso principe si è detto molto rattristato per il sequestro. Ha preferito non muoversi dalla sua residenza di Aiglemont, a Parigi, ma ha continuato a mantenersi in costante collegamento con i suoi uomini. Sul fronte dell’ inchiesta, intanto, si seguono le piste classiche battute in Sardegna dopo ogni sequestro. Gli informatori sono stati messi in allarme, rafforzati i posti di blocco nelle zone nevralgiche della Barbagia, organizzati rastrellamenti nelle campagne. Ieri mattina, nel commissariato di Olbia, si è svolto un vertice delle forze dell’ ordine coordinato dal direttore centrale della polizia criminale, Alberto Sabatino, arrivato per l’ occasione nell’ isola. Al summit hanno assistito anche un figlio dell’ ostaggio, Roberto De Angelis, di 29 anni, e il legale romano della famiglia, l’ avvocato Lavaggi. Entrambi non hanno voluto rilasciare dichiarazioni. Gli investigatori cercano adesso, oltre agli indizi già raccolti, qualche altra prova che possa portare al nascondiglio dei banditi. Ma gli accertamenti sono resi difficoltosi da una quantità di ostacoli. Riuscire a individuare il rifugio dei fuorilegge in un territorio spopolato, con caratteristiche geografiche favorevoli soltanto per la Anonima, è un’ impresa quasi disperata. Non si spiegherebbe diversamente come sino a oggi nell’ isola decine di latitanti possano essere rimasti per tanto tempo alla macchia. Negli ultimi anni, poi, la pattuglia dei ricercati di primo piano s’ è ulteriormente ingrossata. E tutti, in teoria, sono possibili custodi degli ostaggi. Il decano dei latitanti Nell’ elenco figurano da lunga data personaggi come Ciriaco Calvisi, il decano dei latitanti sardi, al quale polizia e carabinieri danno la caccia senza alcun successo dal 1964; Pasquale Stocchino, alla macchia dal giorno della strage di Lanusei (dicembre 1972), massacro per il quale è stato pesantemente condannato; Mario Sale, conosciuto anche sulla penisola perché accusato di una serie di sequestri in Toscana; Giovanna Talanas, alla macchia da quattordici anni. Di recente, in coda all’ elenco, si sono aggiunti Matteo Boe, 30 anni, di Lula, scappato nel settembre dell’ 86 dall’ Asinara dove scontava una condanna a 18 anni per sequestro, considerato dagli inquirenti uno degli esponenti più pericolosi delle nuove leve del banditismo; Antonio Maria Corria, 36 anni, di Orgosolo, mai più rientrato in cella dopo un permesso di quindici giorni accordatogli nell’ estate dell’ 87, Adolfo Calvìa, 38 anni, di Urzulei, datosi alla macchia prima che nei suoi confronti venisse adottato un provvedimento restrittivo, e Antonio Ignazio Deiana, 30 anni, di Orune, riuscito a scappare con la stessa tecnica di Corria. Dinanzi a una schiera così consistente di ricercati è dunque evidente che le indagini sono indirizzate su diversi fronti. E se gli investigatori sono propensi a credere che molti di essi non abbiano niente a che fare con il caso De Angelis, nei confronti di altri sono già stati avanzati sospetti. - di GIOVANNI MARIA BELLU

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/06/15/in-attesa-del-primo-contatto.html

___________

IN COSTA SMERALDA COI VIGILANTES

MlLANO - Il rapimento De Angelis ha innescato una nuova paura tra i vip che hanno casa in Costa Smeralda. Lo si capisce da un particolare: anche chi nega ogni timore chiede di mantenere l’ anonimato, persino una signora battagliera, conosciutissima, che giunge a definirsi incosciente e così spiega il suo atteggiamento: Penso che le vacanze di quest’ estate saranno protette da questo rapimento. L’ Anonima non può mettere troppa carne al fuoco. E poi, le dirò: ero lì quando hanno rapito De Angelis. Pare avesse rapporti non proprio idilliaci con le piccole imprese sarde che lavoravano per lui. E i sardi hanno codici molto rigidi, il rapimento è una loro forma di punizione. Se sei corretto, coi sardi, non hai nulla da temere, anzi ti coccolano. Ma se sei scortese, o peggio, possono avere reazioni davvero eccessive. Diffusa è l’ idea che i banditi sardi non rapiscano a soli fini di estorsione, ma questo non basta a tranquillizzare tutti. Dice un’ altra signora della buona società: La mia villa è a cinque minuti da quella di De Angelis. L’ abbiamo costruita venticinque anni fa. Quando mio marito aveva degli interessi immobiliari in loco, stavamo attenti. Poi siamo diventati semplici turisti e ci siamo sentiti al sicuro: il sistema di vigilanza creato dall’ Aga Khan dopo il rapimento Concato pareva efficiente. Ma domani parto con le guardie: da sola non me la sentirei di aprire le finestre, di respirare l’ aria. A scatenare l’ ansia è il fatto che per la prima volta i rapitori hanno agito con successo dentro i confini del Consorzio della Costa Smeralda. Come dice un giovane pubblicitario: Quella fetta di Sardegna pareva diventata continentale, un posto di romani e milanesi, un santuario quasi. Alla possibilità di un rapimento non abbiamo mai pensato, anche se mia moglie è ricca, se la bambina è piccola. Anche se c’ era quel senso di disagio, quando il sardo che ti vende il pesce ti guarda come un colonizzatore, come uno che porta i soldi ma resta nemico. Sono cose che si sanno; l’ autonomismo esiste, è diffuso più a livello psicologico che a livello politico. Ma adesso che il santuario è stato invaso il disagio cambia di segno: leggendo di De Angelis ho provato paura. Chi non frequenta la Sardegna può stupirsi: ma come, non se ne fanno dappertutto, di rapimenti? Risponde un editore: Ti possono rapire in qualunque luogo, è vero. Ma poiché è avvenuto lì, il rapimento, non puoi fare a meno di collegarlo al clima generale, di vederlo come uno dei mille atti di guerriglia contro il turismo. E’ brutto, sa, essere guardati come americani in Vietnam, quando si è in vacanza. E non mi dica che i sardi si preoccupano dello scempio della costa: loro non hanno nessun interesse ambientale; quando arricchiscono si comportano proprio come gli emergenti chiassosi che possono non piacere ai signori con villa invisibile. E poi il turismo esiste; esiste in tutto il Mediterraneo, non solo in Sardegna. Cosa dobbiamo dire, che è sbagliato il turismo o che sono sbagliate le reazioni dei sardi? Molti sardi non vedono di buon occhio i turisti perché mettono in discussione le loro gerarchie di valori, il loro modo di vivere, d’ accordo. Ma dieci anni fa tutte le attività legate al turismo erano in mano ai continentali; oggi molti esercizi sono in mano a sardi. Il colonialismo è destinato a scomparire. Perché quest’ astio contro di noi?. C’ è, poi, chi cerca di prendere le cose con ironica filosofia, come un avvocato bolognese: Il rapimento De Angelis acquista un’ aura romantica perché è avvenuto in Sardegna, ma la vecchia Sardegna dei pastori che rapivano il piccolo possidente per vendicarsi dei suoi sgarbi non esiste più. Conoscenze storiche, etnografiche, sociologiche, vengono utilizzate da una signora romana per disegnare una gerarchia del pericolo: I bersagli veri sono le persone che hanno contrasti di interessi con la gente del luogo. Pensi a chi è stato rapito ai confini del Consorzio negli anni passati: il primo continentale fu Maffei, che aveva miniere nel Sud della Sardegna. Fece scalpore il rapimento dei ragazzi Casana, cioè di una famiglia che aveva ereditato i terreni di un’ ava. Ci fu grande emozione per Fabrizio De André, figlio dell’ uomo di Monti. Anche Concato viveva sulla Costa da tanti anni, coi suoi vivai. Direi quindi che i semplici turisti non devono avere nessuna paura. Soprattutto se hanno un appartamento dentro i nuclei urbani, o una villetta. Soprattutto in luglio e agosto. Certo, chi ha una villa isolata, e ci va fuori stagione, è meglio che stia attento. Cosa significa, stare attenti? La signora ride: Oh, ciascuno ha i suoi sistemi, sa! Per quel che mi riguarda, non ho paura. Certo, i sardi ti guardano storto. Ma a conoscerli sono gente straordinaria. La stessa espressione, gente straordinaria, viene usata per definire i sardi anche da chi li teme. Si ha l’ impressione che il rapimento De Angelis attizzi, oltre alla paura, anche le fantasie romantiche. - di SILVIA GIACOMONI

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/06/16/in-costa-smeralda-coi-vigilantes.html

______________

PER LIBERARE IL COSTRUTTORE DE ANGELIS ORA E’ NATO UN COMITATO D’ EMERGENZA

OLBIA - La famiglia De Angelis vuole trattare subito con i banditi. In un messaggio fatto pervenire alla stampa spiega che sarà fatto tutto il possibile per garantire l’ incolumità dell’ ostaggio. Invita poi i fuorilegge che nella notte tra sabato e domenica hanno sequestrato il costruttore nella sua villa di Porto Cervo a prendere contatti con un legale romano, l’ avvocato Giuseppe Lavaggi. Mentre si attende un primo segnale da parte dell’ Anonima, sul fronte delle indagini si registrano poche novità. Dopo il vertice tenuto l’ altro ieri dai massimi dirigenti della Criminalpol a Olbia, è stata individuata una strategia di ampio respiro che dovrebbe rendere difficile operare ai banditi che hanno preso in ostaggio Giulio De Angelis, cinquantasei anni, un imprenditore che ha consistenti interessi in Costa Smeralda. Il messaggio dei familiari del costruttore è stato fatto giungere al quotidiano La Nuova Sardegna pochi minuti prima della mezzanotte. Ecco il testo integrale: Martedì ha trascorso tutta la giornata in Costa Smeralda l’ ingegner Franco De Angelis, fratello maggiore di Giulio ed egli stesso capace imprenditore, che ha raggiunto il nipote Andrea. E’ palese che l’ ardua responsabilità di definire e attuare le determinazioni della famiglia, che non può non anteporre ad ogni altra esigenza la salvezza della vita del sequestrato, è stata assunta dall’ intera famiglia costituita in una sorta di comitato di emergenza. Ci risulta che il gruppo è guidato, diretto e rappresentato dal professor avvocato Giuseppe Lavaggi, in anni lontani professore all’ università di Cagliari e da tempo legale di fiducia di Giulio De Angelis e di tutta la famiglia. E’ stato intanto ricostruito l’ identikit di quello che agli amici dell’ imprenditore segregati per due ore a Villa Lee dal commando di banditi, è apparso indiscutibilmente come il capo. Occhi azzurri, alto, magro, modi da gentleman: una descrizione che si attaglia a pochissimi esponenti di primo piano della criminalità organizzata dell’ isola. E così se si cerca di individuare nell’ elenco dei possibili sospetti chi ha le stesse caratteristiche fisiche dell’ uomo che ha guidato il raid in Costa Smeralda, non si trascurano altre piste. A condurre in porto il blitz nel dominio dell’ Aga Khan potrebbe infatti essere stato qualcuno che finora non ha mai avuto guai con la giustizia. Magari un insospettabile che si è fatto un’ esperienza come gregario nella florida industria dei rapimenti e che adesso ha tentato il salto di qualità. Oppure qualche esponente delle nuove leve del banditismo sardo emigrato sulla penisola per mettere a segno sequestri e malversazioni e di recente rientrato con il deliberato proposito di compiere un colpo clamoroso nell’ impero di Karim. Quasi inutile dire che i nomi cominciano già a circolare. Sembra intanto definitivamente esclusa l’ ipotesi, avanzata in un primo tempo, che i fuorilegge possano essere fuggiti con l’ ostaggio via mare. Un sistema che in Sardegna ha avuto finora soltanto un precedente nel rapimento di due giovani torinesi, i fratelli Casana, prelevati dalla anonima mentre prendevano il sole sulle scogliere del litorale sud-occidentale della Sardegna. Prende sempre più consistenza, invece, la tesi secondo cui i banditi sono scappati in auto. Con ogni probabilità, il commando, formato da quattro persone, tutte armate e mascherate, ha atteso un segnale convenuto da parte di uno o più complici. Poi è uscito dalla villa, evitando gli uomini incaricati della vigilanza nel consorzio Costa Smeralda, e si è dileguato salendo a bordo di una o due macchine. Per lasciare le incantevoli baie nelle quali d’ estate si danno convegno tanti vip e dirigersi verso le altrettanto suggestive ma senz’ altro più pericolose montagne del nuorese, ha presumibilmente percorso un tragitto conosciuto soltanto da pochissimi habitué della costa. Un dedalo di viuzze sterrate che consente di lasciare indisturbato l’ impero del principe ismailita senza essere notati dai vigilantes. In proposito, per spiegare come mai i banditi fossero in possesso di informazioni così riservate, sono state ventilate diverse ipotesi. Una vorrebbe che all’ interno del commando ci fosse qualcuno che ha lavorato a lungo sulla Costa Smeralda, magari nei cantieri per la costruzione dei centri vacanze oppure svolgendo attività di diverso genere ma sempre strettamente legate alle iniziative turistiche in corso a Punta Romazzino. Un’ altra tesi è invece quella di un basista che, studiati con cura i possibili itinerari per la fuga, abbia poi fornito percorsi e mappe a chi doveva materialmente portare a termine il sequestro. L’ ultima ipotesi è che siano stati gli stessi autori del blitz a compiere un sopralluogo nella zona, approfittando di circostanze particolarmente favorevoli. Si pensa, ad esempio, ai giorni in cui ogni anno, in primavera, si tiene il rally della Costa Smeralda. E’ un’ occasione nella quale sul litorale nord-orientale della Sardegna si riversano decine di migliaia di appassionati e garantire un controllo capillare sotto i profili diversi dall’ ordine pubblico è impossibile. - di PIER GIORGIO PINNA

 http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/06/16/per-liberare-il-costruttore-de-angelis-ora.html

_______
CONTRO L’ ANONIMA TORNA IN PRIMA LINEA IL GIUDICE ANTI-SEQUESTRI

CAGLIARI - E alla fine hanno deciso di far intervenire il giudice-Rambo. Da ieri Luigi Lombardini, capo dell’ ufficio istruzione di Cagliari, è anche applicato nel tribunale di Tempio Pausania e prende così in mano l’ inchiesta sul sequestro di Giulio De Angelis. Il provvedimento, adottato dal primo presidente della Corte d’ Appello Giovanni Fenoglio, arriva a quattro giorni dal rapimento, quando si parla della pretesa d’ un riscatto di 20 miliardi: l’ avrebbero chiesto i banditi durante le due ore trascorse nella villa dell’ imprenditore. La decisione è arrivata anche a due giorni da una specie di autocandidatura: martedì, interpellato sulle previsioni per la prossima estate, Lombardini ci rispose: L’ interrogativo dovrebbe essere rivolto a chi ha pensato di coprire i posti vacanti con giovani magistrati. Un riferimento chiaro a una recente decisione del Consiglio superiore della magistratura: fino al 1987, e per i sette anni precedenti, i posti vacanti negli uffici istruzione dei tribunali di Tempio e di Oristano erano stati coperti non da giovani giudici ma appunto da Luigi Lombardini che, in tal modo, aveva potuto occuparsi di tutti i principali sequestri di persona avvenuti in Sardegna negli ultimi anni. I risultati sono arrivati. Con un abile (ma gli ordini forensi dicono spregiudicato) uso dei pentiti, Lombardini ha sgominato intere bande, ha riaperto fascicoli impolverati e risolto casi ormai dimenticati. Ha anche convinto una ventina di latitanti a costituirsi. Ma non ho mai promesso niente assicura ho solo chiarito che, con i benefici previsti dalla legge, anche persone accusate di reati gravissimi hanno la possibilità di lasciare prima o poi il carcere. Meglio morire che consegnarsi A proposito di questo argomento, ormai da anni racconta lo stesso aneddoto: Uno dei big della criminalità sarda, Gonario Carta, non seguì i miei consigli. Quando fu ucciso durante una sparatoria, in tasca gli trovarono un biglietto con su scritto: Preferisco morire in un conflitto a fuoco piuttosto che consegnarmi a Lombardini. Insomma, è stato accontentato. Battezzato giudice-Rambo, Luigi Lombardini, cinquantadue anni, un metro e ottantadue d’ altezza, occhi chiari dietro due lenti spesse, un fisico asciutto, pochi capelli, ha un revolver che quotidianamente fa la spola tra il cassetto della scrivania e una fondina legata attorno ai fianchi. Il primo gennaio del 1985, in una intervista, disse dei sequestratori: Quei delinquenti devono preoccuparsi solamente di una cosa, di sfuggire alle pallottole dei carabinieri: sono molte e costano appena cinquecento lire. Pochi giorni dopo i radicali presentarono una interrogazione parlamentare. Passarono due settimane e, sui monti della Barbagia, nella località Osposidda, un agente e quattro banditi morirono in una feroce battaglia. Furono sparate tremila pallottole. Ma fui frainteso risponde Lombardini quella battuta fu strumentalizzata da chi voleva colpirmi. In realtà era un messaggio chiaro e preciso a un gruppo determinato di sequestratori che in quei giorni erano braccati dalle forze dell’ ordine. Era un invito alla resa. In magistratura dal 1963, ha cominciato a occuparsi di sequestri nel 1968. Tra tentati e consumati ne ha seguiti una novantina, ha fatto condannare centinaia di persone, ha messo su i due più grossi processi mai celebrati in Sardegna: nel 1982 quello contro la anonima Gregoriani, tre anni dopo quello contro la anonima gallurese. Luciano Gregoriani, noto gola profonda, è stato il primo pentito del nuovo corso instaurato dal Lombardini e, benché reo confesso di cinque sequestri di persona, ha lasciato il carcere dopo pochi anni per gravi motivi di salute. Lo stesso beneficio è toccato ai pentiti della anonima gallurese. Un sistema che ha funzionato sul piano pratico, ma che ha anche fatto parlare, negli ambienti forensi nazionali, di rito cagliaritano. La commissione del Csm Lombardini bada al sodo, e non sembra preoccuparsi per queste critiche. Ma è irritato per quel che accadde lo scorso anno quando fu sentito da una commissione del Csm: Mi dissero che, con le supplenze a Tempio e a Oristano, era stato violato il principio del giudice naturale. Io domandai loro se avessero da proporre qualche alternativa. Non seppero rispondermi. Comunque le supplenze furono sospese e, pur dimezzate, vengono ripristinate solo oggi, a pochi giorni dal sequestro De Angelis. Martedì, quando ancora la sua applicazione a Tempio non era stata disposta, Lombardini aveva detto che, in questo rapimento, vedeva l’ opera del fior fiore della latitanza sarda. Di sicuro aveva in mente qualche nome e qualche cognome. Ma non aveva voluto farne. La decisione del presidente della Corte d’ Appello ha per lui, uomo non insensibile alla propria immagine esterna, il sapore di una vittoria. Mostra la busta paga: quattro milioni 676 mila lire al mese. Sono scapolo dice e con questa somma vivo più che bene in una città di provincia come Cagliari. Non mi va di cambiare squadra, mi piace questo lavoro senza orari. Due mesi fa, pochi giorni dopo l’ approvazione della legge, Lombardini primo magistrato in Italia si assicurò contro la responsabilità civile: massimale annuo, un miliardo. - di GIOVANNI MARIA BELLU

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/06/17/contro-anonima-torna-in-prima-linea.html

_______________

PUBBLICITA’ PER SALVARE UN RAPITO

CAGLIARI - Due mezze pagine di giornale quasi completamente bianche. Nella parte alta un grosso titolo: Le catene del passato, in basso a destra una specie di didascalia: Questo spazio è stato acquistato dalla famiglia De Angelis per destinarlo alla pubblicazione (in questo momento impossibile) di un manoscritto dei rapitori di Giulio De Angelis. L’ annuncio è apparso domenica sui due quotidiani isolani, la Nuova Sardegna e l’ Unione Sarda. L’ utilizzazione dei giornali durante le trattative per la liberazione degli ostaggi non è una novità. In passato è accaduto più di una volta che dietro annunci economici per la vendita di bestiame si celassero messaggi in codice, nei quali i familiari dei rapiti annunciavano la disponibilità a vendere un determinato numero di capi, che in realtà corrispondeva ai milioni offerti ai banditi. Ma questa volta il comportamento dei sequestratori è differente. Il giornale non viene usato come canale, discreto e sicuro, per ricevere messaggi ma almeno nelle intenzioni dei banditi dovrebbe diventare una cassa di risonanza dell’ azione criminale. E’ stata la magistratura a bloccare la pubblicazione del comunicato: i familiari, acquistando lo spazio pubblicitario e pubblicando il titolo, hanno voluto chiarire ai sequestratori di aver fatto tutto ciò che era in loro potere per adempiere alla richiesta. E’ insomma l’ avvio delle trattative: con la certezza del fatto che De Angelis è vivo (la grafia della lettera dei rapitori è la sua) è cominciata la fase più delicata e difficile di ogni rapimento. Si tratta di un avvio delle trattative anomalo: annunciato pubblicamente su richiesta dei banditi e, in definitiva, imposto a una famiglia che, fin dal primo momento, aveva chiesto il silenzio stampa. Sul contenuto del manoscritto il riserbo è assoluto. Ma non è difficile leggere in quel titolo apparentemente oscuro il tentativo di evocare istanze parapolitiche a giustificazione del rapimento. Ipotesi né confermata né smentita dagli inquirenti, che si limitano a tacere, ma sostenuta da una serie di precedenti relativamente recenti. Nel 1983 un volantino firmato Movimento armato sardo rivendicò il sequestro del medico di Bitti (Nuoro) Salvatore Buffoni e di sua moglie Rina Mulas. La stessa organizzazione assunse la paternità di attentati contro familiari di pentiti. Le catene del passato in questo contesto suonano come un richiamo a quelle buone tradizioni barbaricine (cioè l’ omertà) di cui parlava il M.A.S. nel 1983 rivendicando l’ uccisione di uno dei fratelli del pentito Alberto Balia. Ma, se il nesso esiste, non può che essere di carattere linguistico: dalle indagini condotte in questi ultimi anni è emerso che il M.A.S. come organizzazione stabile non è mai esistito. Si è trattato di una sigla utilizzata per tentare di giustificare a posteriori azioni criminali messe in atto dalla delinquenza comune. Giulio De Angelis, un uomo sofferente di cuore, è stato rapito nella notte tra l’ 11 e il 12 giugno. I sequestratori, quattro uomini armati e mascherati, fecero irruzione nella sua casa in Costa Smeralda, la Villa Lee, e immobilizzarono gli ospiti e il personale di servizio. Da quel momento l’ imprenditore romano, più volte campione mondiale di off-shore, padre di Elio, il pilota di Formula Uno morto due anni fa in un incidente, è nelle mani dei banditi che, molto probabilmente, lo tengono prigioniero nei monti della Barbagia. - di GIOVANNI MARIA BELLU

 http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/05/pubblicita-per-salvare-un-rapito.html

_______________

UNA FOTO DEL RAPITO DE ANGELIS

NUORO - Giulio De Angelis, il costruttore romano di 56 anni rapito a metà giugno sulla Costa Smeralda, è vivo: un suo messaggio è stato fatto pervenire dai banditi al giornale La Nuova Sardegna accompagnato da una perentoria richiesta di pubblicazione. La direzione del quotidiano ha però deciso di non cedere a quello che considera un ignobile ricatto. Con un titolo su tre colonne in prima pagina, seguito da uno spazio bianco, si annunciava ieri ai lettori la motivazione di una scelta che veniva poi spiegata nei dettagli all’ interno. Nell’ articolo dedicato agli sviluppi del sequestro si spiega che i fuorilegge puntano chiaramente a esercitare nuove, odiose pressioni sui familiari dell’ ostaggio in un fin troppo scoperto tentativo di piegare il giornale a obiettivi criminosi. Per questo motivo il quotidiano pubblica soltanto una foto dell’ imprenditore con una breve didascalia e lascia metà della quinta pagina in bianco. La lettera di De Angelis, sicuramente autentica, è stata fatta pervenire alla redazione della Nuova Sardegna nella serata di lunedì insieme alla richiesta di pubblicazione. La decisione della direzione del quotidiano (il direttore è Sergio Milani, il condirettore Sergio Carlesi, il vicedirettore Giorgio Melis) non ha finora precedenti nell’ isola. Qualche settimana fa i parenti del costruttore avevano fatto giungere un’ altra missiva chiedendone la diffusione attraverso gli organi di informazione. La magistratura s’ era però opposta e così i familiari dell’ ostaggio avevano acquistato mezza pagina sui due quotidiani sardi per spiegare ai banditi gli sviluppi della situazione. - p g p

 http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/07/27/una-foto-del-rapito-de-angelis.html

_______

MOZZATO UN ORECCHIO A DE ANGELIS

PORTO CERVO - Nel sequestro De Angelis affiora un interrogativo agghiacciante: i banditi hanno tagliato un orecchio all’ ostaggio per ottenere il pagamento del riscatto? A porsi la domanda, dopo che i rapitori hanno fatto pervenire un altro messaggio, sono tutti gli investigatori impegnati nelle indagini. Insieme alla lettera, recapitata all’ ufficio postale di Siniscola, nel Nuorese, è stato spedito un frammento di cartilagine. Il reperto è adesso all’ esame degli esperti. Si cerca di stabilire se sia realmente una parte dell’ orecchio dell’ imprenditore romano (come purtroppo vi sono motivi di credere) oppure si tratti di un macabro avvertimento per lanciare il quale i fuorilegge si sono serviti di qualche animale, forse una pecora. Gli sviluppi del rapimento avvenuti due mesi fa sulla Costa Smeralda hanno riportato alla memoria, con un flash scioccante, i drammatici particolari di altri due sequestri di persona in cui i banditi si accanirono con brutale ferocia contro gli ostaggi: Paul Getty jr, nipote del magnate americano, e Giorgio Calissoni, rapito ad Aprilia insieme alla madre, Anna Bulgari, nel novembre 1983 da una banda di sardi. Un nuovo ultimatum Ma ecco tutti i particolari sul nuovo, inquietante capitolo del caso De Angelis. Tutti i particolari, almeno, sfuggiti alle maglie del rigido riserbo che circonda la vicenda. La lettera è stata ricevuta nell’ ufficio postale di Siniscola più di una settimana fa e poi consegnata agli inquirenti. E’ stato appunto il velo di silenzio fatto calare sul sequestro a impedire che sino a qualche giorno fa la notizia trapelasse. Adesso, tuttavia, non ci sono più dubbi sull’ ultimatum lanciato dai fuorilegge: 4 miliardi in contanti in cambio della vita del costruttore. Così come non ci sono più dubbi sul fatto che, insieme alla missiva, gli investigatori siano venuti in possesso anche del macabro reperto. Il frammento di cartilagine (sino a ieri non si conoscevano esattamente le sue dimensioni) è stato consegnato agli anatomo-patogi dell’ istituto di medicina legale dell’ università di Cagliari. Dagli esami si stabilirà con precisione se si tratta di una parte di un orecchio umano. Pare infatti (ma sul punto ci sono soltanto illazioni non confermate) che le condizioni nelle quali è stato fatto trovare il reperto non consenta una indentificazione immediata e certa. La notizia era naturalmente a conoscenza della famiglia da diversi giorni. Si spiega così in modo decisamente più chiaro l’ ultimo messaggio lanciato dai De Angelis attraverso la stampa. Un appello nel quale si sostiene di voler aderire senza ulteriori indugi al pagamento della somma richiesta per il rilascio non appena i fuorilegge forniranno la prova che l’ industriale romano è ancora vivo e che non è stato ceduto (così come è avvenuto altre volte in passato) a un’ altra banda. Certo è che, a prescindere dagli accertamenti avviati dai medici, se trovasse conferma la mutilazione dell’ ostaggio non è azzardato ipotizzare che il rapimento potrebbe avere una drammatica conclusione. Cinquantasei anni appena compiuti, Giulio De Angelis negli ultimi tempi, prima ancora di fare ritorno in Sardegna per seguire i suoi interessi a Porto Cervo, ha visto un progressivo aggravarsi del suo stato di salute. In passato il suo fisico integro gli aveva consentito di cimentarsi a livello agonistico ai massimi livelli in uno sport pesante come la motonautica, sino a diventare per diverse volte consecutive campione mondiale di off-shore. Ma in questi anni è stato colpito da preoccupanti crisi cardiache che hanno imposto una intensa terapia medica. Subito dopo il sequestro, compiuto a Villa Lee da un commando formato da quattro banditi armati e mascherati nella notte tra il 12 e il 13 giugno scorso, il sanitario che ha in cura il costruttore aveva diffuso tramite la polizia un elenco dei farmaci che il suo paziente deve prendere ogni giorno. E’ un elenco lungo e dettagliato da quale si capisce chiaramente come l’ imprenditore non possa non essere provato dalla lunga prigionia, trascorsa magari immobilizzato in una grotta o in un anfratto. Se in proposito si considera l’ esperienza allucinante vissuta da molti altri sequestrati nell’ isola, c’ è di che nutrire fondati timori. Resisterà Giulio De Angelis a una vita fatta di interminabili attese in qualche rifugio inaccessibile del Supramonte e di improvvisi ed estenuanti trasferimenti in altre prigioni dell’ Anonima. Come avrà potuto sopportare la bestiale mutilazione alla quale i banditi lasciano intendere di averlo sottoposto? Sono interrogativi che gettano una luce sinistra su un rapimento nel quale, dopo ormai otto settimane, non si intravvedono ancora soluzioni. Il vantaggio dei fuorilegge Un rapimento che inizialmente pareva rientrare nei consueti cliché di tanti altri portati a termine in questi anni dai banditi sardi e che invece si sta rivelando giorno dopo giorno sempre più efferato e criminale. E’ forse presto per trarre conclusioni, ma almeno per il momento appare piuttosto chiaro il vantaggio accumulato dai fuorilegge nei confronti delle forze dell’ ordine. E, se la polizia e i carabinieri non recupereranno il tempo perduto, difficilmente si potrà cominciare a vedere qualche spiraglio in questa drammatica vicenda. - di PIERGIORGIO PINNA

 http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/08/01/mozzato-un-orecchio-de-angelis.html

________________

DA 2 MESI GIULIO DE ANGELIS E’ NELLE GROTTE DEL SUPRAMONTE

E quello di De Angelis, a parte l’ audacia dimostrata dai banditi nel violare il santuario supersorvegliato della costa Smeralda, non si discosta molto da altri portati a termine negli ultimi anni. Ed anche per questi motivi vale forse la pena di ricordarne le principali fasi. E’ la notte tra il 12 e il 13 giugno: a Porto Cervo i vip non sono ancora arrivati, fervono i preparativi per la nuova stagione turistica, nessuno pensa che l’ Anonima possa tornare in azione da queste parti. E invece, in quella tranquilla notte di giugno, un commando formato da quattro fuorilegge, armati e mascherati, risoluti e disposti a tutto, fa irruzione a sorpresa a Villa Lee, nel cuore della costa Smeralda. Il capo ha caratteristiche fisiche molto simili a quelle dell’ uomo che, stando alle prime testimonianze, guidava il gruppo di fuorilegge che l’ altra notte ha tentato di sequestrare Marta Marzotto a Porto Rotondo: alto, magro, gli occhi celesti. E’ un tipo estremamente deciso, che non vuole commettere errori. Non a caso, legati tutti gli ospiti che quella sera si trovavano nell’ abitazione di Giulio De Angelis, riesce ad allontanarsi indisturbato con l’ ostaggio e con gli altri componenti della banda. Nessuno (né i vigilantes del consorzio, né i carabinieri, né gli agenti di polizia) riesce così a rendersi conto dell’ accaduto in tempo utile. Quando viene dato l’ allarme e scatta il piano antisequestri, i rapitori sono già lontani. Una fuga, la loro, sulla quale continuano a non trovare risposte inquietanti interrogativi. Come è stato possibile per i sequestratori riuscire a eludere una così attenta sorveglianza? Hanno forse potuto contare sulla complicità di qualcuno che conosce bene viuzze e sentieri della costa Smeralda ignoti persino agli esponenti del jet-set che d’ estate si danno appuntamento sulle spiagge di questo incantevole paradiso? E ancora: sono scappati prima a piedi e poi via mare oppure avevano dei complici che li attendevano in macchina a poca distanza? Sino a oggi, comunque, carabinieri e polizia non hanno ancora chiarito nei particolari le concitate fasi della fuga. Forse sono a conoscenza di qualche dettaglio che preferiscono non rivelare per non compromettere le indagini. Dalla ricostruzione minuziosa delle ore del rapimento potrebbero infatti scaturire elementi di estrema utilità per risalire ai fuorilegge che hanno nelle loro mani il costruttore romano. E questo, naturalmente, sa bene anche il giudice istruttore Luigi Lombardini, che si occupa del caso insieme al sostituto procuratore della Repubblica di Tempio Andrea Garau. Lo stesso magistrato al quale è stata affidata l’ inchiesta sul tentato sequestro Marzotto, subito formalizzata. - di PIERGIORGIO PINNA

___________
I DE ANGELIS PRONTI A PAGARE ‘MA DATECI ALTRE GARANZIE’

PORTO CERVO - I De Angelis hanno chiesto nuove garanzie ai banditi che ormai da due mesi tengono in ostaggio il costruttore romano. Lo hanno fatto con una lettera inviata ai quotidiani sardi. Eccone il testo integrale: La famiglia De Angelis mentre eseguirà puntualmente le indicazioni ricevute e assicura la immediata eseguibilità degli impegni da essa assunti, preoccupata della sorte del proprio congiunto, conferma l’ impossibilità di prescindere dalle garanzie richieste o altre equivalenti reciprocamente rassicuranti. Non è escluso che, adesso, dopo la mossa dei familiari dell’ imprenditore, nella vicenda si possa avere qualche sviluppo positivo. Giulio De Angelis, 56 anni, ex campione mondiale di off-shore, padre del pilota di Formula Uno morto due anni fa sul circuito di Le Castellet, è un uomo d’ affari con rilevanti interessi sulla Costa Smeralda. A rapirlo era stato un commando formato da quattro persone armate e mascherate, entrate in azione nella notte tra il 12 e il 13 giugno. I banditi fatta irruzione a Villa Lee, in una delle zone più esclusive di Porto Cervo, avevano rapito il costruttore dopo aver immobilizzato tre suoi ospiti. Poi, senza tradire alcuna fretta, avevano lasciato i litorali nord-orientali della Sardegna per dirigersi con ogni probabilità verso gli impenetrabili rifugi della Barbagia. Da allora dei fuorilegge, così come dell’ ostaggio, è stata persa ogni traccia. Il lavoro di magistrati, poliziotti e carabinieri non ha dato sinora risultati. Tra gli intermediari della famiglia e i componenti della banda che ha rapito De Angelis si è però stabilito nelle ultime settimane un filo diretto che potrebbe portare alla liberazione dell’ ostaggio, malgrado il blocco dei beni disposto dalla magistratura. - p g p

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/08/12/de-angelis-pronti-pagare-ma-dateci.html

______________

E I DE ANGELIS SCRIVONO ANCORA ALL’ ANONIMA…

NUORO - Sul fronte delle indagini, in Sardegna, si attendono le prossime mosse dei banditi. Ma finora i fuorilegge che tengono in ostaggio il costruttore Giulio De Angelis e il farmacista Michelangelo Mundula non si sono rifatti vivi. Probabilmente, a scoraggiare contatti che potrebbero tradire i rapitori, ha contribuito un imponente spiegamento di forze nelle zone più calde dell’ isola. De Angelis, 56 anni, ex campione di motonautica, padre di Elio, il pilota di Formula Uno morto sul circuito di Le Castellet, è un costruttore romano con interessi sulla Costa Smeralda. E’ stato sequestrato da un commando di quattro persone nella sua villa di Porto Cervo, la notte del 12 giugno scorso. Il rapimento di Mundula, un giovane professionista di 27 anni, figlio del proprietario di una delle farmacie di Dorgali, un centro a pochi chilometri dalla costa centro-orientale della Sardegna, risale a domenica scorsa. Il ragazzo mentre si trovava in auto con la fidanzata a Cala Gonone, una località turistica della zona, è stato immobilizzato e ridotto all’ impotenza. Dopo aver attraversato l’ intero abitato, affollatissimo nonostante fossero le prime ore del mattino, i fuorilegge hanno abbandonato la Y10 dell’ ostaggio in una stradina vicino al fiume Cedrino e sono fuggiti a bordo di altre macchine. All’ interno dell’ utilitaria del farmacista, legata e imbavagliata, è rimasta, in preda al terrore, la fidanzata di Mundula, Rossana Sinatra, di 17 anni, che è riuscita a liberarsi e a dare l’ allarme soltanto un paio d’ ore più tardi. Nonostante l’ appello lanciato nei giorni scorsi da un fratello del rapito che ha annunciato la disponibilità della famiglia per il pagamento di un ragionevole riscatto, fino a ieri i banditi non avevano avviato alcuna trattativa con i Mundula. Situazione di stallo anche nel caso De Angelis. Mercoledì la famiglia dell’ industriale romano, attraverso gli organi d’ informazione, ha fatto pervenire un altro messaggio all’ Anonima. Eccone il testo integrale: A fronte della situazione del tutto inopinata che si è determinata in tempo successivo alla pubblicazione del suo precedente messaggio, la famiglia De Angelis esclude ogni proprio coinvolgimento nelle infondate e arbitarie affermazioni altrui. Essa auspica l’ invio di dirette indicazioni per attuare quanto concordato e proposto tramite i propri disinteressati e insostituibili emissari. - p g p

_________

IL PARROCO DEI PILOTI DI F1 SI OFFRE AL POSTO DI DE ANGELIS

MODENA - Don Sergio Mantovano, parroco di Modena, cappellano dei piloti di Formula Uno, si è offerto come ostaggio in cambio di Giulio De Angelis, il costruttore romano rapito dall’ Anonima sarda il 12 giugno scorso. E’ stato lo stesso don Sergio a dare notizia della sua decisione senza offrire particolari alla curiosità dei suoi fedeli. Durante la messa nella sua chiesa di S. Caterina a Modena, rivolgendosi ai numerosi parrocchiani li ha esortati ad unirsi a lui nella preghiera. Preghiamo insieme e chiediamo l’ aiuto del signore ha detto don Sergio perché ci dia una mano in un difficile compito: la mediazione in un sequestro di persona. Di quale sequestro si tratta? Lo ha detto lui stesso domenica scorsa: sta svolgendo un’ importante opera umanitaria, insiste un parrocchiano. Anche se i particolari restano segreti, i continui spostamenti, i viaggi di Don Sergio, che è noto per essere l’ assistente spirituale dei piloti di Formula Uno, avrebbero un preciso significato: il tentativo di far liberare Giulio De Angelis. Il sacerdote era, infatti, particolarmente legato a Elio De Angelis, il giovane pilota morto l’ anno scorso sul circuito di Le Castellet. - p l s

________

LIBERATO DE ANGELIS

NUORO  - Giulio De Angelis, 56 anni, il costruttore romano rapito il 12 giugno scorso nella sua casa in Costa Smeralda la villa Lee è stato liberato ieri poco dopo le 19,30 in una località montuosa della Barbagia, Ortachis, tra i paesi di Bono e Benettuti. Colto da malore Le notizie sulle modalità del rilascio sono ancora frammentarie. La liberazione è stata comunque preceduta secondo una tecnica applicata in quasi tutti i rapimenti degli ultimi anni da uno scambio di ostaggi: uno degli emissari è stato trattenuto per alcuni minuti, probabilmente il tempo necessario a contare il denaro. Una cifra, secondo le prime informazioni, sui tre miliardi. Le condizioni di salute del rapito che è stato trasportato con un’ autoambulanza ad Alghero sono state definite buone in relazione alla terribile esperienza affrontata (nel corso del sequestro, Giulio De Angelis avrebbe subito la mutilazione di un orecchio). Tuttavia, colto da malore in serata, il costruttore sarebbe stato ricoverato in ospedale Le trattative sono state condotte da un avvocato e, secondo voci insistenti, da un noto esponente del banditismo sardo che non sarebbe né detenuto, né latitante. Quindi, una persona che ha scontato la pena o che è fuori dal carcere per qualche motivo procedurale. Ha anche tenuto i contatti coi banditi un sacerdote di Modena molto legato al mondo della Formula Uno: Giulio De Angelis è il padre di Elio, il corridore automobilista morto tre anni fa in un incidente durante una competizione. Il costruttore era stato rapito quattro mesi e mezzo fa, a tarda sera, nella località Piccolo Romazzino, proprio nel cuore della Costa Smeralda, poco distante dalle ville di Carlo De Benedetti e dello sceicco Jamani, già ministro del petrolio dell’ Arabia Saudita. E non distante da Porto Rotondo dove, sempre la scorsa estate, il 4 agosto quattro banditi hanno fatto irruzione nella villa di Marta Marzotto che, per un caso fortuito, era assente. Un clichè classico quattro uomini mascherati, armati di fucili a canne mozze in uno scenario insolito: il bunker dei vip, una zona ritenuta inespugnabile. Come agì il commando Adesso che il costruttore è libero, gli inquirenti forse riusciranno a capire come abbia fatto il commando dei banditi a entrare nel territorio della Costa Smeralda, beffare polizia, carabinieri e vigilantes privati, restando per tre ore nella villa piena di ospiti, e infine raggiungere indisturbato i monti della Barbagia, gli stessi dove ieri è avvenuta la liberazione. Un sequestro drammatico come tutti, ma segnato da una preoccupazione costante per le condizioni di salute del rapito. Giulio De Angelis, sofferente di cuore, già colpito da due infarti, è stato curato a distanza dal medico di famiglia che, con periodici annunci sui giornali sardi, ha aggiornato di volta in volta la terapia. Messaggi in codice, frasi comprensibili a pochi, sono apparsi molto spesso sulla stampa isolana. A partire dall’ iniziale tentativo dei banditi di dare un manto di politicità al rapimento con un messaggio dal titolo le catene del passato. La Nuova Sardegna si rifiutò di pubblicare quel documento delirante, i De Angelis acquistarono mezza pagina di pubblicità che uscì bianca col solo titolo del messaggio e alcune parole di spiegazione ai rapitori. Il 28 luglio, la decisione del giudice istruttore Luigi Lombardini, esperto nella lotta al banditismo comandato d’ urgenza al Tribunale di Tempio, di porre sotto sequestro i beni del rapito, dei figli e del fratello Franco. Sulle cifre richieste, dopo l’ ordinanza di sequestro, continuarono a circolare varie ipotesi: si parlò di 4 miliardi. Gli emissari si presentarono a un incontro senza una lira in tasca e furono malmenati. Il 12 agosto il messaggio più orrendo: una lettera insanguinata, inviata dall’ ufficio postale di Siniscola (un centro del nuorese), con un frammento d’ orecchio. Minaccia già attuata nel 1973 durante il sequestro di Paul Getty junior e messa nuovamente in atto più di recente nel 1983 durante il rapimento Bulgari-Calissoni. Ma se quello fosse o meno l’ orecchio dell’ ostaggio resta ancora da accertare Un altro ostaggio Dopo la liberazione di De Angelis, un altro ostaggio resta nelle mani dell’ Anonima sequestri. Si tratta di Michelangelo Mundula, 27 anni, figlio del titolare della farmacia di Dorgali (un grosso centro costiero del nuorese). E’ stato rapito il 13 agosto scorso, alla periferia di Cala Gonone, la località turistica dove si trovava in villeggiatura. - di GIOVANNI MARIA BELLU

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/11/01/liberato-de-angelis.html

________

Cosi’ Don Sergio trattò con i rapitori

Repubblica — 02 novembre 1988   pagina 19   sezione: CRONACA

MODENA  - Le campane suonano a distesa alla messa delle 11 e poco è mancato che suonassero anche nel cuore della notte tra lunedì e martedì quando nella parrocchia di Santa Caterina a Modena è arrivata la telefonata di Don Sergio Mantovani. E’ andato tutto bene, finalmente Giulio è libero. Io sto bene. Tornerò tra qualche giorno, ha detto con voce rotta dall’ emozione a Maria Rosa Radighieri, una delle sue parrocchiane che insieme ad altri venerdì scorso lo avevano accompagnato all’ aeroporto di Borgo Panigale a Bologna. Destinazione Sardegna. Compito: concordare con i banditi l’ ultima parte della trattativa per la liberazione di Giulio De Angelis e fare da emissario nel pagamento del riscatto. Come è poi successo. L’ abbiamo salutato ed abbracciato col cuore in gola, ma fiduciosi che questa sarebbe stata la volta buona, che tutto sarebbe finito. L’ impegno di Don Sergio, capellano della Formula 1 automobilistica, per liberare Giulio De Angelis, al quale è legato da una grande amicizia rafforzatasi nel tempo dopo la tragica fine del figlio Elio morto sul circuito francese del Paul Ricard, era cominciato la scorsa estate. Dieci giorni dopo il sequestro, il 26 giugno. Un primo viaggio nell’ isola a luglio. Un secondo ad agosto. Una missione dai contorni drammatici. I banditi avevano appena mozzato l’ orecchio sinistro all’ ostaggio che versava in precarie condizioni fisiche. Don Sergio, senza pensarci due volte, si propose come ostaggio. Voi prendete me e rilasciate Giulio, supplicò i banditi che però non accettarono lo scambio. Tornò a casa deluso, ma non vinto. Preghiamo insieme perché Dio mi aiuti e ci aiuti in un difficile compito: la mediazione per un sequestro di persona, disse ai suoi parrocchiani. Qualche giorno dopo ripartì per l’ isola. L’ ultimo viaggio, di dieci giorni, prima delle ore decisive dell’ altra notte. Subito dopo la liberazione prima di Giulio De Angelis e poi la sua, Don Sergio ha telefonato in parrocchia a Modena: E’ andato tutto bene. Siamo andati in giro con il pacco dei soldi e con due auto. Ho parlato con i banditi, ma non chiedetemi altro, non posso aggiungere particolari.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/11/02/cosi-don-sergio-tratto-coi-rapitori.html

____________
‘DI NOTTE PREGAVO, PER NON MORIRE’

ROMA - Mi hanno trattato come un animale. Avevo perso la cognizione del tempo e non sapevo se fosse giorno o notte. Per quasi cinque mesi ho dovuto fare i conti con il freddo, l’ umidità, i disagi. Quest’ amara esperienza è stata disastrosa: per lunghe settimane sono rimasto senza cure, senza assistenza, non mi davano da mangiare tutti i giorni e quel poco me lo passavano attraverso uno spiraglio della grotta in cui mi avevano rinchiuso. Ho pregato tanto per non morire…. Giulio De Angelis trattiene a stento le lacrime nella saletta vip dell’ aeroporto di Ciampino. Il bireattore Mystere che lo ha riportato da Alghero a Roma è sceso sulla pista dello scalo romano alle 19,05. Ad attendere De Angelis c’ erano la moglie, i nipoti, alcuni sanitari che adesso lo prenderanno sotto cura. Il costruttore rimasto 142 giorni nelle mani dei rapitori è visibilmente provato. Indossa pantaloni di flanella grigi, una camicia celeste e un maglione rosso. Si appoggia alle spalle di due nipoti e procede a fatica illuminato dai fari delle tv e dal flash. Poi accetta di rispondere alle domande dei giornalisti: Sì, è stata un’ esperienza drammatica. Non pensavo di uscirne vivo. Mi hanno mutilato, sono pieno di ecchimosi, sono sofferente. Non hanno avuto un briciolo di pietà. Sono rimasto tutto questo tempo solo un una grotta. E’ stato tremendo. L’ industriale romano prova ad uscire dalla saletta vip di Ciampino, ma le domande piovono a raffica. Giulio De Angelis prova a scansare gli ostacoli più insidiosi. Non rivela il luogo dove è stato tenuto prigioniero. Accenna vagamente ai suoi carcerieri (due o tre col volto bendato), ricorda che non gli hanno mai consentito di ascoltare la radio. Poi cede e racconta: I banditi mi avevano avvertito che mi avrebbero tagliato un pezzo di orecchio da mandare ai miei parenti per sollecitare e concludere il pagamento del riscatto. Se il primo tentativo non avesse avuto esito mi avrebbero fatto altri tagli in diverse parti del corpo. Adesso voglio solo pensare ai miei familiari. Dopo questa esperienza amara e drammatica io rivivo un’ altra vita, una nuova vita…. Giulio De Angelis riesce a guadagnare l’ uscita dello scalo romano e parte verso la clinica Mater Dei dove verrà curato. Si chiude così una storia iniziata sei mesi fa in Costa Smeralda, dove l’ imprenditore fu rapito dall’ Anonima sarda. In Sardegna il costruttore romano tornerà presto, non appena ristabilito: Il mio lavoro è lì, quella è la terra che amo di più al mondo. E in quella terra De Angelis ha temuto di morire. C’ è stato un momento in cui era convinto che lo avrebbero ammazzato. E’ stato proprio alla fine. Durante gli ultimi tre giorni mi hanno fatto camminare in continuazione. Di notte e di giorno. Non sapevo dove stavamo andando. Pensavo che le trattative erano naufragate, che era giunto il mio momento. Loro tentavano di giustificare il sequestro con motivi sociali e politici. I ricchi, i poveri, il lavoro che non c’ è… in realtà volevano solo una cosa: i soldi. Violenti? No, duri, molto duri, ma violenti non lo sono mai stati. Giulio De Angelis, ha spiegato ieri mattina l’ altro legale della famiglia, l’ avvocato Giuseppe Lavaggi, è un uomo letteralmente terrorizzato. Una persona alla quale è stato riservato un trattamento bestiale. Non solo per la mutilazione che ha subito, ma anche per il trattamento psicologico al quale è stato sottoposto. Pochi spazi di mediazione La realtà vissuta dagli stessi emissari dei familiari del costruttore, sfata ogni dubbio: Per noi, ha aggiunto Lavaggi, sono stati mesi di angoscia e di inaudita sofferenza. Le condizioni che dettavano i rapitori non lasciavano spazi di mediazione. Erano decisi, risoluti. Hanno chiesto quattro miliardi, ne hanno ottenuti tre. La svolta è arrivata due giorni fa. Intascate le prime due tranche del riscatto pattuito, i malviventi hanno lanciato l’ ultimo segnale agli emissari della famiglia. Don Sergio Mantovani, parroco della chiesa di Santa Caterina a Modena e prete della Formula 1 a Maranello, è volato in Sardegna. Lunedì, nel tardo pomeriggio, sotto una pioggia battente, due Golf bianche s’ immergono nelle campagne di Botolana, al confine tra le province di Nuoro e Sassari. A bordo ci sono quattro persone. L’ avvocato Agostinangelo Marras, don Sergio Mantovani, un amico della famiglia, Luis Rudj, e un allevatore, altro grande mediatore nella trattativa. Convinto di essere a un passo della liberazione, il legale porta con sé anche la valigetta 24 ore con dentro l’ ultima rata del riscatto. Le banconote sono tutte di piccolo taglio: 50 e 10 mila lire. Lo scambio, ha raccontato Marras, è avvenuto in un clima di grande tensione. Temevamo qualche contrattempo. Gli accordi erano precisi. Ma in questi frangenti tutto può saltare per un’ inezia, per un particolare. Nessuno garantisce niente: da un lato c’ è un uomo, dall’ altro il denaro. Una vita contro delle mazzette di soldi. Le due Golf arrivano nella zona stabilita, a Ortachis, una località immersa nel verde, tra fitti cespugli e boschi. Ma dei banditi nessuno traccia. Sbucano dalle campagne Ma la partita si chiude solo a tarda notte. Di colpo, sbucando dalle campagne, si fanno vivi i sequestratori. Vogliono avere i soldi, l’ ultima parte del riscatto. Ma gli emissari della famiglia De Angelis insistono e chiedono di vedere prima l’ ostaggio. L’ ultima fase della trattativa è frenetica. Durissima. Nessuno si fida ma alla fine si trova ugualmente un accordo. Un compromesso, una prassi abituale nei sequestri in Sardegna: prima si consegna l’ ingegner De Angelis, poi il denaro. E come garanzia, tra un passaggio e l’ altro, i banditi prendono in ostaggio un’ altra persona. Si offre don Sergio Mantovani. Lo aveva chiesto già in passato, inutilmente. Il prete lascia una delle due Golf e si avvia verso i banditi incaricati di trattare. No, non avevo paura, ha raccontato il sacerdote. Sapevo i rischi che correvo, ma la vita ai box della Formula 1 mi ha temprato. Appena sono arrivato dai banditi, mi hanno scaraventato a terra, a faccia in giù. Mi hanno minacciato. Uno in particolare mi ha detto con rabbia: lo sai che ti potremmo ammazzare. Ma non lo faremo. Stai attento, però. Non andare a dire in giro che siamo cattivi. A questo mondo ci sono i ricchi e ci sono i poveri. Noi non lo facciamo perché ci piace. Lo facciamo per necessità. Non abbiamo soldi, non c’ è lavoro e le nostre famiglie devono pure mangiare… tutte frasi costruite. Alibi per nascondere il vero motivo di questo sequestro. Mantovani verrà liberato un quarto d’ ora dopo il rilascio di De Angelis: il tempo necessario per contare tutti i soldi. All’ inizio, racconta l’ avvocato Marras, l’ ho riconosciuto a stento. De Angelis era sconvolto. Camminava a fatica. Aveva una barba lunghissima. Indossava un paio di jeans e un giubbotto militare. E’ montato in macchina. Era terrorizzato. Non mi ha lasciato il tempo di dire nulla. Ha solo gridato: via, andiamo via. Facciamo presto, velocemente. Poi… , poi niente. I saluti, gli abbracci. I pianti. Si è chiuso con i suoi familiari. La moglie, il figlio, i nipoti, gli amici. E’ finita. Ma l’ incubo continua. Almeno per l’ ingegnere. Alla clinica Mater Dei è già tutto pronto per l’ illustre paziente. Mentre sulle montagne la caccia ai banditi continua. - di DANIELE MASTROGIACOMO

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/11/02/di-notte-pregavo-per-non-morire.html

____________

DE ANGELIS TORNA IN SARDEGNA

OLBIA - A poco più di una settimana dal rilascio, Giulio De Angelis è tornato in Sardegna. La sua visita nell’ isola è avvolta dal più rigido top-secret. Come già era accaduto nelle fasi immediatamente successive alla liberazione da parte dei sequestratori, polizia e carabinieri hanno steso un impenetrabile velo di riservatezza sul luogo dove si trova il costruttore romano e su tutti i suoi spostamenti. Di certo, c’ è soltanto il fatto che l’ imprenditore, rapito dall’ Anonima in giugno e rilasciato dopo il pagamento di un riscatto di tre miliardi, ieri è stato interrogato dal magistrato. Ma anche la sede nella quale l’ ex ostaggio è stato sentito è sconosciuta. Si parla di una caserma dei carabinieri, di un commissariato di polizia o, più probabilmente, di qualche villetta tranquilla di proprietà di amici De Angelis (vicino a Porto Cervo?). Fino a tarda sera, comunque, è stato impossibile ottenere conferme o racimolare qualche indiscrezione. La nuova caccia dei giornalisti all’ inseguimento del costruttore e degli inquirenti al suo seguito è cominciata sin dalle prime ore del mattino. La notizia che l’ imprenditore sarebbe tornato in Sardegna era trapelata già da alcuni giorni. Dopo quattro mesi e mezzo di prigionia, all’ inizio della scorsa settimana, Giulio De Angelis era sereno ma visibilmente sotto choc. I banditi, del resto, non sono stati teneri con lui. Lo hanno tenuto segregato per lunghe settimane in almeno quattro diverse grotte, gli hanno mozzato una parte dell’ orecchio destro per convincere i familiari ad accelerare le trattative, gli hanno spesso lesinato il cibo e le bevande. E’ stata un’ esperienza tremenda aveva spiegato lo stesso De Angelis poche ore dopo la liberazione . Mi hanno trattato come una bestia. Ovvio, quindi, che in quelle condizioni gli investigatori non potessero spingersi troppo in là nella raccolta degli elementi necessari per risalire alla banda che il 12 giugno lo sequestrò nella sua villa della Costa Smeralda. D’ accordo con i legali dell’ imprenditore, gli avvocati Agostinangelo Marras e Giuseppe Lavaggi, la magistratura aveva così deciso di rinviare l’ interrogatorio ufficiale. Nel frattempo, l’ ex ostaggio è stato sottoposto nuovamente ad accurate visite di controllo. De Angelis, che ha compiuto 57 anni proprio mentre era nelle mani dell’ Anonima, è cardiopatico. Ha quindi risentito in maniera particolare della prigionia anche perchè, di frequente, i suoi custodi gli hanno fatto mancare persino le medicine prescritte dai sanitari. Chi ieri ha visto il costruttore romano arrivare in Sardegna e gli ha potuto parlare ha però notato già un progressivo miglioramento delle sue condizioni di salute. I medici, comunque, sono ancora molto prudenti, se è vero, come qualcuno è riuscito a sapere, che durante il viaggio nell’ isola è accompagnato dal professor Guidotti, il cardiologo che lo assiste da anni. In ogni caso, a quanto sembra, De Angelis è ormai pronto a collaborare con gli inquirenti e a fornire tutte le informazioni di cui dispone. Ecco le poche notizie finora trapelate. L’ imprenditore è arrivato all’ aeroporto di Olbia-Costa Smeralda con un velivolo privato. Si è poi spostato nel vicino eliporto di Venafiorita. Con il giudice istruttore Emilia Grassi e con il sostituto procuratore della Repubblica di Tempio Andrea Garau e quindi è salito a bordo di un elicottero dei carabinieri, partito subito dopo per una destinazione sconosciuta. Da quel momento le sue tracce si sono perse. Si pensa che l’ interrogatorio, cominciato nella tarda mattinata e proseguito nel primo pomeriggio, si concluderà soltanto nei prossimi giorni. Gli investigatori sono infatti convinti che De Angelis possa fornire una serie di dettagli di primaria importanza. Non soltanto per ricostruire tutte le fasi del sequestro (dal momento dell’ irruzione a Villa Lee sino al rilascio nei boschi di Ortachis), ma anche per individuare i nascondigli nei quali il costruttore è stato tenuto prigioniero. A questo proposito, non si esclude che sin da ieri De Angelis sia stato condotto in una località imprecisata del centro Sardegna nella quale polizia e carabinieri hanno voluto compiere un sopralluogo. Evidentemente, gli uomini impegnati nell’ inchiesta hanno in mano qualche elemento che intendono verificare attraverso il racconto dell’ ex ostaggio. Ma anche sotto questo profilo, con ogni probabilità, bisognerà attendere qualche giorno per sapere se la pista seguita dagli inquirenti è quella buona. Intanto, a Roma sono stati tutti assolti con formula piena gli imputati coinvolti nel processo-bis contro l’ Anonima gallurese, l’ organizzazione criminale sarda responsabile di una decina di sequestri, di almeno una ventina di tentativi di rapimento e di quattro omicidi compiuti tra il 1979 ed il 1982 nella zona della costa smeralda. Per quindici degli 83 imputati del processo principale, nel novembre dello scorso anno, la Corte di Cassazione decise l’ annullamento della sentenza di secondo grado e delle relative condanne (da 30 a 8 anni di carcere). Le accuse erano basate solosulle dichiarazioni di un pentito e perciò prive dei necessari riscontri. Giudicati nuovamente davanti alla Corte d’ assise d’ appello di Roma, gli imputati sono stati ora tutti assolti. - di PIER GIORGIO PINNA

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1988/11/09/de-angelis-torna-in-sardegna.html

__________________
CASO DE ANGELIS, DUE ARRESTI

SASSARI  - Due arresti per il sequestro dell’ industriale Giulio De Angelis, rapito e mutilato da una banda di fuorilegge in Sardegna e infine rilasciato dietro il pagamento di un riscatto di tre miliardi. In carcere è finita una coppia di Arzana, un piccolo centro del nuorese: l’ allevatore Mario Fortunato Piras, 60 anni, e la moglie Nina Nieddu di 54. Entrambi sono stati bloccati dai carabinieri del reparto operativo di Sassari nella loro casa di Dolianova, un paese del cagliaritano nel quale si erano trasferiti da tempo. Con loro è stato fermato anche il figlio di 17 anni, trovato in possesso di un fucile da caccia calibro 12 con le canne mozzate. Giulio De Angelis, 63 anni, padre del pilota di formula uno morto sul circuito di Le Castellet, era stato sequestrato nel giugno dello scorso anno in Costa Smeralda. Nell’ isola l’ imprenditore romano aveva (e continua ad avere) una serie di interessi nel settore turistico e immobiliare. La sua prigionia era stata lunga e travagliata. A suscitare una ondata di orrore e indignazione, aveva contribuito la mutilazione della parte superiore di un orecchio, inviata poi ai familiari. A distanza di una anno dal rapimento, c’ è ora questa svolta clamorosa nelle indagini. I coniugi di Arzana sono stato arrestati sulla base di un mandato di cattura emesso dal giudice istruttore di Tempio, Emilia Grassi. Pochi, almeno sino a questo momento, i particolari sul cumulo di prove raccolte a carico della coppia. Tutta l’ operazione è circondata dal più rigido riserbo, in attesa dell’ interrogatorio dei fermati. Non si sa dunque quale ruolo si contesta ai due all’ interno della banda accusata del rapimento. Per ora si conosce solo l’ imputazione: concorso in sequestro di persona. Qualche mese fa, nell’ ambito delle indagini sul caso De Angelis era finito in carcere Gianfranco Cavada, 38 anni, di Bitti, un altro centro del nuorese. L’ uomo, appartenente a una famiglia che in passato è rimasta coinvolta in vicende legate all’ Anonima, aveva svolto un ruolo decisivo nel rilascio del costruttore, offrendosi come mediatore alla famiglia De Angelis. Cavada aveva partecipato in prima persona anche alle ultime drammatiche fasi della liberazione. Di recente, la magistratura, ha deciso di incriminarlo non si sa esattamente sulla base di quali motivazioni, per favoreggiamento e falsa testimonianza. Dopo qualche giorno di prigione, l’ emissario è riuscito comunque ad ottenere la libertà provvisoria. - di PIER GIORGIO PINNA

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1989/06/25/caso-de-angelis-due-arresti.html

___________
DE ANGELIS, RITROVATA PARTE DEL RISCATTO

NUORO - Indagando sulla faida di Oniferi, il paese della Barbagia sconvolto da una catena di violenza senza fine, i carabinieri hanno scoperto una filiale della banca della Anonima: 225 milioni sporchi provenienti da riscatti pagati da famiglie di rapiti. Con ogni probabilità, una parte della consistente somma di denaro, recuperata dai militari sotto il pavimento di un’ autorimessa in un centro vicino a Nuoro, si riferisce al sequestro dell’ imprenditore romano Giulio De Angelis, prelevato da un commando di banditi sulla Costa Smeralda nel giugno 1988 e rilasciato nell’ ottobre successivo dopo il versamento di più di tre miliardi. - p g p

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/11/15/de-angelis-ritrovata-parte-del-riscatto.html

________

Dal Corriere della Sera 29 Ottobre 2000

L’ INTERVISTA / Parla l’ uomo che trattò la liberazione di De Angelis.L’ avvocato dei rapimenti: ecco perché non può essere l’ Anonima
L’ INTERVISTA / Parla l’ uomo che trattò la liberazione di De Angelis L’ avvocato dei rapimenti: ecco perché non può essere l’ Anonima

 SASSARI - «Nulla, in questa storia non mi torna proprio nulla. E mi sembra che la scomparsa di Stefano Lorenzi possa essere qualsiasi cosa, meno che il tradizionale sequestro sardo a scopo di estorsione». Agostinangelo Marras è uno che si è occupato molto di rapimenti in Sardegna. Avvocato penalista di Sassari, ha difeso e ancora difende alcuni fra i più noti imputati, latitanti e no, delle varie Anonime sequestri succedutesi negli ultimi vent’ anni: dai casi di Fabrizio De André e Farouk Kassam (il ragazzino sequestrato a Porto Cervo) a quelli di Leone Concato o Pietro Riccio (ostaggi mai ritornati alle loro famiglie) e al caso di Vanna Licheri (anch’ essa morta durante la prigionia: Marras era parte civile al processo). In un rapimento, quello del costruttore Giulio De Angelis prelevato dalla sua villa in Costa Smeralda, fu proprio l’ avvocato sassarese a gestire i contatti tra la famiglia e i banditi, con l’ accordo della magistratura e delle forze dell’ ordine. Storie diverse, ma accomunate dalle stesse modalità d’ azione, dallo stesso «codice» che la criminalità sarda ha sempre seguito come un vero e proprio copione: e di cui, ripete Marras, non vi è alcuna traccia nella vicenda di Stefano Lorenzi. Ma perché? «Per almeno tre particolari emersi dalla cronaca. L’ orario, in pieno giorno; il luogo, esposto e frequentato; l’ auto del presunto rapito lasciata in sosta davanti agli occhi di tutti. C’ è poi un altro particolare, ancora più eclatante: questo signore, in Sardegna, non lo conosceva nessuno». In Piemonte sì… «Appunto: per poter ipotizzare un sequestro, bisognerebbe dunque presupporre una correità di elementi sardi con persone di fuori. Il che non è facilissimo. E infine, in tutta questa storia, vi sono troppi dettagli confusi, imprecisioni, buchi neri. Mentre, nel vero sequestro sardo, niente è mai lasciato al caso: dalla preparazione del reato, che inizia anche molti mesi prima, al momento in cui si preleva l’ ostaggio, alla conduzione delle trattative, al pagamento e alla liberazione finale». Lei quale ipotesi ha? «In questo momento, io potrei solo escluderne una: ed è, ancora una volta, quella del sequestro tradizionale. Poi, può anche darsi che qualche sardo si sia messo in mezzo a vicende altrui. In ogni caso, se di rapimento si tratta, Lorenzi aveva certamente una “talpa” al suo fianco: o l’ ha rapito proprio chi era con lui o quella stessa persona ha dato ad altri la notizia dei suoi movimenti. La domanda centrale è naturalmente questa: quante persone sapevano che alle ore tali del giorno tale quel signore era proprio nel tal luogo e non in un altro? Dalla risposta dipende la verità». Anche il rapimento De Angelis era molto complesso. «Sì. Ma che i banditi fossero dei professionisti lo si vide fin dall’ inizio: dal “prelievo” dell’ ostaggio condotto con maestria, di notte, dimostrando una perfetta conoscenza degli orari e dei turni di guardia dei sorveglianti. Non certo come in questa storia di Porto Torres». Che cosa ricorda di più, in quella vicenda? «Le fasi finali. Dall’ auto ferma, nel buio, scorsi dietro di me i fari di un fuoristrada. Mi voltai: vidi prima due fucili, poi le ombre di due persone. “Chi siete?”, chiesi. E loro: “Siamo quello che siamo”. Erano venuti a controllare che avessi i soldi. Poco dopo, consegnai all’ emissario i due pesanti borsoni con i tre miliardi. E subito emerse dal buio il povero De Angelis: lo avevano pestato a sangue, perché si ricordasse di loro e non parlasse troppo. Perfino, in questo, non lasciarono nulla al caso». Luigi Offeddu

Offeddu Luigi

http://archiviostorico.corriere.it/2000/ottobre/29/avvocato_dei_rapimenti_ecco_perche_co_0_0010292165.shtml

 

No Comments »

No comments yet.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Powered by WordPress